Cerca nel sito

Cerca per marca

Categorie

Gucci
http://www.occhialiweb.com/bvlgari.1.4.64.sp.uw.aspx
ray ban occhiali da sole e vista

QR Code

Vista e Visione

disturbi visivi

Gli occhi ricevono la luce riflessa dal mondo che ci circonda. La luce colpisce la retina, parte posteriore interna dell'occhio, producendo una energia nervosa che, tramite i nervi ottici, giunge al cervello. Il messaggio passa attraverso il centro dell'esperienza dal quale esce classificato ed identificato.

Gli occhi vedono: è la vista, uno dei cinque sensi.
Il cervello elabora quello che gli occhi vedono: è la visione.

La visione è un processo di interpretazione delle immagini percepite. Interpretazione che potrebbe anche essere definita conoscenza poichè

essa connette la percezione alle esperienze che la nostra memoria ha conservato.
Le immagini e la memoria ci consentono di capire, imparare, valutare la situazione che in quel momento i nostri occhi guardano.

La vista e la visione contribuiscono quindi all'intelligenza dell'uomo
.

                                               

Per la qualità della vita è importante vedere bene a tutte le distanze e non soffrire di:

  • mal di testa
  • annebbiamenti visivi
  • fatica e disagi oculari
  • bruciore agli occhi e lacrimazione
  • rossore agli occhi
  • disturbi per le luci

Se la lettura dei test presentati è difficoltosa o è presente uno di questi disturbi puoi prendere direttamente un appuntamento presso di noi per un esame visivo.

 

73_ipermetropia_miopia.jpg
 
 

MIOPIA

E’ la condizione refrattiva più frequente, caratterizzata dalla difficoltà di mettere a fuoco nitidamente le immagini lontane. 
L’occhio miope può mettere a fuoco facilmente gli oggetti vicini ed è in grado di vedere a distanza solo se aiutato da lenti negative che consentano di riportare correttamente l’immagine sulla retina. Infatti nei miopi l’immagine degli oggetti lontani si focalizza prima della retina creando un effetto sfocato.

IPERMETROPIA

Si tratta di una condizione refrattiva molto diffusa e si evidenzia con una visione sfocata delle immagini per lontano e soprattutto per vicino. Questo è dovuto alla dimensione del bulbo oculare, più corto rispetto alla norma, per cui i raggi luminosi si focalizzano oltre la retina, anziché sulla stessa. Tende a comparire in tenera età e può rimanere in forma latente per parecchi anni.
In età più avanzata viene confusa con la presbiopia, che è invece la perdita di capacità accomodativa dovuta all’invecchiamento del cristallino.

ASTIGMATISMO

La maggior parte degli occhi umani presenta un lieve astigmatismo, dovuto principalmente alla non perfetta forma sferica della cornea. Un individuo astigmatico non vede bene né da vicino né da lontano, e percepisce gli oggetti sfocati e distorti. Di solito l’astigmatismo può essere associato a miopia o ipermetropia; la maggior parte degli astigmatismi può essere corretta adeguatamente con lenti a contatto o occhiali.

PRESBIOPIA

Occorre sottolineare che la presbiopia non è un vizio refrattivo; si tratta infatti di una riduzione fisiologica della capacità accomodativa dovuta all’invecchiamento del cristallino o del legamento che lo tiene nella giusta posizione e si corregge con lenti di potere positivo. Compare intorno ai 40/43 anni e si manifesta in una difficoltà a mettere a fuoco le immagini o gli oggetti che si trovano a distanza ravvicinata.

AMBLIOPIA
L'ambliopia è il termine usato per definire una compromissione dell'acutezza visiva; cioè, anche con le opportune lenti correttive, l'acutezza rimane al di sotto della normalità. L'ambliopia può interessare un solo occhio o entrambi. Nei bambini quando l'ambliopia interessa un solo occhio, spesso passa inosservata. Il solo mezzo per scoprirla è quindi una precoce analisi della visione. Molti ambliopi possono essere scoperti in occasione dei "dépistages" pre-scolari o scolari. E' importante intervenire precocemente, perché nei bambini questo tipo di visione può essere migliorata

DECIMI E DIOTTRIE

“Quanto mi manca?”. Questa è la prima domanda che si pone chi non vede bene. Per dare una risposta adeguata occorre parlare prima di tutto di diottrie e decimi.

LE DIOTTRIE

La diottria è l’unità di misura utilizzata per esprimere il potere delle lenti ed indica la loro capacità di modificare il percorso della luce.
Le lenti possono essere negative, positive ed astigmatiche e vengono usate per quantificare e compensare le ametropie.
Spesso, nel linguaggio comune, il termine gradi viene impropriamente usato al posto di diottrie.

I DECIMI

Il decimo è l’unità di misura dell’acutezza visiva usata in Italia. L’acutezza visiva è un valore che indica quanto piccole possono essere le immagini affinché siano correttamente visibili, ovvero indica la riga di lettere e/o numeri più piccola che un soggetto, sottoposto all’esame della vista, è in grado di leggere sull’ottotipo (è la tavola usata per determinare l’acutezza visiva, sulla quale sono riportati simboli o lettere di diversa grandezza).

 

La miopia, l’ipermetropia e l’astigmatismo sono vizi refrattivi



cookie